10 consigli importanti per aiutare i bambini a leggere

Sempre più spesso incontro bambini a cui sembra essere stata sottratta la capacità di immaginare. Perché? Forse non immaginano perché non leggono.
Sarebbe la risposta più corretta in effetti. Se non conoscono un albero parlante o un tappeto volante, se non conoscono i classici della letteratura ma personaggi come AngryBirds e AmongUs forse la colpa è da attribuire ai genitori.

Il tablet ha preso il
sopravvento o almeno così sembra.

Ma qui non puntiamo il dito contro nessuno ed in questo post elencherò alcune tecniche utili per aiutare i bambini (e non solo) a leggere.

In quest’interessante articolo ti spiego perchè i bambini oggi non leggono (CLICCA QUI)

1. Leggi ad alta voce regolarmente

Cerca di leggere a tuo figlio ogni giorno e potresti facilmente identificare un momento della giornata per rannicchiarsi assieme e godersi una storia, magari letta da un bel libro illustrato (ma non troppo). Ai bambini piace rileggerle ed esaminare attentamente le immagini. Magari quando leggi prova ad aggiungere voci divertenti per dare vita ai personaggi.

2. Incoraggia tuo figlio a leggere

La lettura sviluppa l’immaginazione, ha benefici educativi e migliora il benessere di tuo figlio. Solo pochi minuti al giorno possono avere un grande impatto sui bambini di tutte le età.

3. Incoraggiare la scelta di lettura

I bambini non devono leggere solo libri, dai loro più opportunità di leggere cose diverse nel loro tempo libero. Poesie, fumetti, riviste, ricette….
Una cosa divertente è lasciare letture interessatni in giro per casa ed attendere….un po’ come avviene a Natale per Babbo Natale.

4. Crea un ambiente confortevole

In casa devi assolutamente creare un luogo tranquillo e confortevole in cui la tua famiglia possa rilassarsi e leggere.

5. Leggete insieme

Creare un momento nell’arco del giorno oppure della settimana per leggere insieme a tutta la famiglia. Non solo leggere lo stesso libro a voce alta ma basta anche leggere assieme nello stesso spazio cose diverse contemporaneamente. Questo tempo trascorso tutti insieme risulterà rilassante per tutti.

6. Usa le biblioteche

Ormai ogni città ha una biblioteca. Basta cercare su Google la bibliotecha più vicina a casa tua. E porta tuo figlio con te perché è importante che viva la magia delle biblioteche, respiri l’odore dei libri ed ascolti il silenzio di chi legge attentamente. E se non hai biblioteche vicino casa ci sono sempre negozi importanti ed enormi come LA FELTRINELLI o MANDADORI o GIUNTI. E poi ci sono le biblioteche online. Su GOOGLE ne trovi tantissime.

7. Dai vita alla lettura

Si tratta di un’attività molto importante. Gioca a un gioco in cui fingi di essere uno dei personaggi di un libro oppure realizza una ricetta letta assieme a tuo figlio.

8. Rendi attiva la lettura

La caccia al tesoro!!! Organizza una caccia al tesoro in cui tuo figlio deve trovare gli oggetti presenti nel libro che sta leggendo (o ha letto). Oppure prova a creare il libro della giornata di tuo figlio utilizzando foto ed aggiungendo didascalie. Sul web trovi software facilissimi da utilizzare.

9. Parla di libri

Creare connessioni è importantissimo. Potresti analizzare la copertina del libro ed sucitare curiosità, magari anticipando qualcosa contenuto nel libro (NO SPOILER tipo “lo sai che in Harry Potter poi Albus Silente Muore? Quelli sarebbero dei traumi, fidati). E’ necessario sviluppare la comprensione e rendere la lettura sempre più piacevole. Potresti condividere con tuo figlio i ricordi che quel libro suscita in te.

10.Coinvolgi tuo figlio nella lettura in un modo che gli si addica

Solo tu conosci tuo figlio meglio di chiunque. Se presenta bisogni educativi speciali ovviamente occorrono attività brevi e creative. Ciò che conta di più è che si divertano.

 

 

Hai altri consigli?
Commenta in basso

Giuseppe Alfredo Ruggi

Insegnante di Enogastronomia, Blogger, sistemista freelance. Vivo e lavoro a C\mare di Stabia. Trovo in ciò che faccio sempre nuovi spunti, lavoro con la creatività e continuo a formarmi guardando il mondo attraverso gli occhi dei miei studenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.