MLTV: essere un docente-ricercatore

Qui riportato interamente potrai leggere quest’articolo pubblicato da INDIRE.

Cosa fanno i docenti-ricercatori di MLTV (Making Learning and Thinking Visible)?

Si impegnano in un processo di ricerca per esplorare le domande di ricerca relative al rendere visibili l’apprendimento e il pensiero. Questo processo implica:

  1. scegliere una domanda,
  2. raccogliere dati documentando l’apprendimento, in particolare l’apprendimento in gruppo,
  3. analizzare i dati insieme attraverso la conversazione (analisi condivisa),
  4. creare collegamenti con indagini svolte da altri per rendere visibili l’apprendimento e il pensiero
  5. pianificare nuovi passi per continuare ad esplorare la domanda di ricerca.

Alla fine del nostro progetto, abbiamo in programma di:

6. iniziare a condividere le nostre scoperte con la comunità di Avanguardie Educative e con il resto del mondo.

 

 

Di seguito ciascuno di questi passaggi è descritto in modo più dettagliato.

Scegliere una domanda di ricerca

Come ricercatori di MLTV, la nostra grande domanda di ricerca è: in che modo l’apprendimento e il pensiero, le pratiche didattiche e la cultura della classe cambiano quando gli insegnanti condividono e discutono la documentazione del pensiero e dell’apprendimento degli studenti? Pensiamo a questa domanda come a un grande ombrello, e sotto quell’ombrello esploriamo molte diverse domande su come rendere l’apprendimento e il pensiero visibili e su come possiamo approfondire ed estendere l’apprendimento individuale e di gruppo degli studenti. A volte l’intero team scolastico condivide una domanda; altre volte individui o piccole squadre hanno le loro domande. Una buona domanda di ricerca è:

  • Interessante per il nostro team e per altri
  • Riguardante informazioni sulla relazione tra documentazione o apprendimento in gruppo e approfondimento dell’apprendimento e del pensiero
  • Pertinente alla nostra pratica quotidiana
  • Aperta e non ne conosciamo già la risposta
  • Gestibile entro il periodo di tempo del progetto e compatibile con i nostri orari

Raccolta di documentazione (raccolta dati)

I docenti – ricercatori hanno bisogno di dati per aiutare a rispondere alle loro domande di ricerca. Utilizziamo la documentazione come la nostra fonte di dati più importante. La documentazione è: la pratica di osservare, registrare, interpretare e condividere attraverso diversi media i processi e i prodotti dell’apprendimento allo scopo di approfondire l’apprendimento. Documentazione come registrazioni video e audio, fotografie, esempi di lavoro degli studenti e trascrizioni di conversazioni e interazioni in classe sono tutte fonti di dati preziose. Come docenti-ricercatori, raccogliamo regolarmente la documentazione mentre lavoriamo con gli studenti. Una documentazione potente non è solo una rivisitazione di ciò che è accaduto: consente a noi, ai nostri studenti, ai nostri colleghi e ad altri di rivisitare un’esperienza di apprendimento e condividere le nostre diverse prospettive per interpretare quell’esperienza.

Analizzare insieme la documentazione (analisi collaborativa dei dati)

Utilizziamo riunioni faccia a faccia, webinar e padlet per condividere la documentazione l’uno con l’altro. Quando esaminiamo la documentazione e consideriamo come può informare le nostre domande, ci stiamo impegnando in ciò che i ricercatori chiamano “analisi collaborativa dei dati”. L’analisi ricca richiede una ricca documentazione. Ad esempio, quando guardiamo insieme un videoclip, abbiamo un punto di riferimento comune su cui basare la nostra analisi. Prendendo appunti durante le nostre conversazioni sulla documentazione, teniamo traccia del nostro pensiero sulle nostre domande di ricerca.

Fare collegamenti con altre indagini

È molto probabile che la sperimentazione di altri insegnanti nel progetto abbia rilevanza per le nostre indagini. Quindi i nostri incontri faccia a faccia e online si basano sulla convinzione che la documentazione di altre classi possa generare intuizioni e idee che ci aiutano a pensare alle nostre domande.

Pianificare i prossimi passi

Dopo ogni istanza di raccolta e analisi della documentazione, pensiamo ai prossimi passi. Creiamo un nuovo piano per documentare e raccogliere più dati per informare le nostre domande.

Condividere i risultati

Continuiamo a lavorare con una domanda di ricerca finché non ci sentiamo pronti per andare avanti. Questo potrebbe richiedere un mese, diversi mesi, un anno o più. Quando abbiamo finito con una domanda non significa che abbiamo risposto completamente – anzi, raramente è così. Ma sentiamo di avere delle risposte e siamo pronti a esplorare qualcos’altro. Possiamo condividere i risultati della nostra ricerca:

  • scrivere la narrazione di un caso
  • creare un poster o una presentazione da condividere con colleghi, studenti e / o famiglie
  • progettare uno strumento o una risorsa sulla base delle nostre scoperte da condividere con altri educatori

Se condotto intenzionalmente e in profondità nel tempo, questo processo di indagine è una forma importante di ricerca educativa che è rispettata nel più ampio campo dell’istruzione. Insegnanti-ricercatori come noi pubblicano studi di ricerca in riviste specializzate, presentano il loro lavoro a conferenze internazionali e contribuiscono alla conoscenza nel campo dell’istruzione. Essere coinvolti in una ricerca insieme ai propri colleghi è anche una potente forma di sviluppo professionale – attraverso la ricerca, possiamo imparare come individui e come gruppo e continuare a far crescere e approfondire la nostra pratica di insegnamento.

By Giuseppe Alfredo Ruggi

Insegnante di enogastronomia, digital teacher e non solo. Collabora con numerose scuole d'Italia, ha pubblicato numerosi articoli e due testi. Innamorato della scuola sa bene che insegnando si impara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.