Ultime News
domenica 22 novembre 2015

Come fotografare il cibo alias l'arte della FOOD PHOTOGRAPHY


Settimana scorsa ho partecipato ad una serata Yelp che aveva come tema la FOOD PHOTOGRAPHY. Com'è andata la serata? LEGGI QUI
Non conosci Yelp? Leggi il mio articolo

Così ho pensato......ma perchè non scrivere un bel post unendo quello che ho imparato con le nozioni che già conoscevo. 
Ed ecco che ora cercherò di rispondere alla domanda:

COME 
FOTOGRAFARE 
IL CIBO?

Nel web ormai il 70% delle foto sono legate al cibo. Dappertutto ci sono foto di piatti spettacolari, golosi, suggestivi, semplici ma tutti con lo scopo di attrarre chi li guarda. 

Se lo chiamano #foodporn 
ci sarà un motivo no?

Una cosa è molto chiara....niente è lasciato al caso, nulla è improvvisato.
Ci sono delle precise regole, dei principi e delle tecniche da seguire per ottenere risultati che riescano a valorizzare il soggetto (ed anche l'impegno ed il lavoro dietro alla preparazione del piatto).
La diffusione del web 2.0 ha dato il via all'era dei bloggers, che in poco tempo si sono specializzati in diversi settori. I FOOD BLOGGER, i FASHION BLOGGER, i TRAVEL BLOGGER e tanti altri devono OBBLIGATORIAMENTE fare foto.....ed allora perchè non farle come si deve?
C'è chi usa lo smartphone (come me) e chi è equipaggiato di macchina fotografica, REFLEX al primo posto; ma non obbligatoriamente occorre essere super tecnologici per ottenere splendide foto.
Chi produce foto per il web non deve per forza realizzare foto ULTRA HD. Conoscendo questo, possiamo risparmiare ore spese ad aspettare lunghi upload e gigabyte di spazio di archiviazione.

Su internet basta una 
risoluzione di max 720p

La qualità della foto viene quasi sempre "compensata" dal modo con cui essa viene visualizzata. Sul web usiamo tablet, pc e smartphone che grazie ad i loro display luminosi permettono una qualità elevata anche con foto non di alta risoluzione.

La prima problematica è legata all'acquisto, quale strumento acquistare per realizzare foto?
Dipende da cosa vuoi fare e prima di entrare in un negozio, ti consiglio di fare ricerche sul web.
"La migliore macchina fotografica é quella che hai con te"


Il cibo deve essere vivo

La bravissima Food-Blogger IDA CANCRO (se non lo fate già vi consiglio di seguire il suo blog) ci insegna che la prima regola per la FOOD PHOTOGRAPHY è: la qualità del soggetto è FONDAMENTALE.

Il  cibo deve essere appetibile, mai banale. Deve avere colori vivi, trasmettere la freschezza ed anche riuscire a far immaginare allo "spettatore" il gusto.
Nel caso di foto che ritraggono panini & co. essi devono obbligatoriamente collegarsi ad un evento o ad un fenomeno sociale per avere successo sul web.
Perchè fare una foto?
Perchè nel caso del cibo (ma non solo) vuoi ricercare il bello, vuoi trarre un momento unico da conservare per sempre.

La composizione (decorazioni e contesto) é un discorso complesso.
Il soggetto può essere nel particolare oppire nell'interezza.

Alcuni consigli tecnici:
(valgono sia per smartphone che per macchine fotografiche)


La luce gioca un ruolo da protagonista. Bisogna preferire sempre una luce naturale e diffusa.
Sul web trovate numerosi trucchi per creare una luce diffusa.

Al bando il FLASH
Le migliori foto sono quelle senza Flash. Esso infatti crea ombre dure ed appiattisce il soggetto. per maggiore luminosità senza usare il flash si può regolare l'ISO (ovvero la sensibilità della macchina). In questo caso diminuiscono i tempi di scatto, la foto risulta più ferma e con più rumore (ovvero aumenta la granulosità che in alcuni scatti può anche risultare piacevole)  

La regola dei terzi
Una regola d'oro per la fotografia. Per una foto correttamente bilanciata, il soggetto non deve (quasi) mai essere inquadrato al centro dell'immagine.


Bisogna determinare la posizione del soggetto in riferimento alle quattro linee che compongono la griglia. 

Giocare con il proprio dispositivo
Per aver un buon risultato devi conoscere il tuo dispositivo, giocarci regolando le varie impostazioni per riuscire a capire quando e come ottenere foto ottimali. Ad esempio bilanciare il bianco o in caso di luce scarsa variare i valori dell'esposizione

Mai avere fretta
Infatti la fretta è una crudele nemica della fotografia. Nel caso di foto con soggetti fissi, immobili occorre prendersi tutto il tempo di cui si ha bisogno.

Guardare a 360°
Un piatto va guardato, studiato. Devi girare attorno ad esso per cercarne la giusta angolazione. Le inquadrature dipendono dal soggetto: se verticale farle in raso mentre se vogliamo mettere in evidenza la composizione occorre scattare dall'alto oppure mettersi di fronte come quando siamo seduti a tavola 

Stai fermo
E' una regola fondamentale della fotografia, trattenere il respiro durante uno scatto.
Usa un cavalletto, usa un appoggio oppure quando sei in piedi mantieni i gomiti serrati lungo il busto per non sbilanciarti. Lo scatto risulterà migliore

La location
Fai attenzione anche all'universo attorno al soggetto. Capita spesso che il tavoli sia sporco, che come sfondo ci siano porte aperte oppure "cose che non dovrebbero essere li". Prima di scattare guarda attentamente.

L'energia non è infinita
Devi essere pronto ad ogni imprevisto. Le batterie possono scaricarsi e quindi occorre prevedere di portar con se batterie supplementari o battery pack.

L'incidente è unico
Durante un set, tagli una fetta di torta e cade una briciola. Non pulire!!! Un po' di confusione dona realismo allo scatto.

Creare un set fotografico
Se la location dei tuoi scatti è legata ad un preciso luogo perchè non creare un piccolo set fotografico? 


Un pannello, una fonte di luce (bianca) ed uno sfondo.
Si può creare un pannello bianco da mettere in opposizione alla fonte di luce per rifletterla eliminando le ombre. I più bravi creano pannelli scurenti per ottenere effetti opposti.

Ecco un esempio su quanto cambia una foto



Preparare il cibo
Come si fa durante i book fotografici per le modelle, anche per il cibo è lo stesso. Occorre prepararlo per renderlo più appetibile possibile. Tutti gli elementi che circondano il piatto sono fondamentali perché una location (ambientazione) ben studiata dona un tono autoritario, un'intensità diversa. Elementi come posate, condimenti, attrezzi di cucina possono (e devono) essere inclusi nello scatto.


Alcuni scatti della food blogger IDA CANCRO



Alcuni LINK
Vi lascio alcuni link utili per approfondire e restare aggiornati su quest'argomento:
I professionisti:

I Blog:


Video:
Curiosità:



Segui il mio blog per ulteriori info 
ed aggiornamenti su questo e tanti altri argomenti


Item Reviewed: Come fotografare il cibo alias l'arte della FOOD PHOTOGRAPHY Rating: 5 Reviewed By: Ristorazione con Ruggi