Ultime News
lunedì 5 ottobre 2015

Slow Food: orgoglio italiano nel mondo

Sentiamo tantissimo parlare di SLOW FOOD ma pochi sanno veramente di cosa si tratta.

DEFINIZIONE
Slow Food è una grande associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente.

L'attuale presidente Gaetano Pascale
 (ex presidente SLOW FOOD Campania)


LA STORIA
Slow Food nasce nella città di Bra, in provincia di Cuneo e si pone come obiettivo la promozione del diritto a vivere il pasto, e tutto il mondo dell'enogastronomia, innanzitutto come un piacere. 


Il fondatore CARLO PETRINI

Fondata da Carlo Petrini e pensata come risposta al dilagare del fast food e alla frenesia della vita moderna, Slow Food studia, difende e divulga le tradizioni agricole ed enogastronomiche di ogni parte del mondo.


In questo video possiamo capire la filosofia SLOW FOOD

Slow Food, attraverso progetti (Presidii), pubblicazioni (Slow Food Editore), eventi (Terra Madre) e manifestazioni (Salone del Gusto al Lingotto di Torino, Cheese a Bra e Slow Fish a Genova) si è impegnata per la difesa della biodiversità e dei diritti dei popoli alla sovranità alimentare, battendosi contro l'omologazione dei sapori, l'agricoltura massiva, le manipolazioni genetiche. Attraverso la rete di associati che si incontrano, si scambiano conoscenze ed esperienze, Slow Food ha inteso fare del godimento gastronomico anche un atto politico, sottolineando come dietro a un buon piatto ci siano scelte operate nei campi, sulle barche, nelle vigne, nelle scuole, nei governi.

Socio SLOW-FOOD

ASSOCIARSI
Diventare socio SLOWFOOD permette di entrare in un sistema di informazione sulla qualità engastronomica mondiale.

Inoltre ci sono numerosi vantaggi:
  • Slow, la rivista di Slow Food e l'Almanacco in formato elettronico
  • Una guida della collana “Mangiamoli giusti”
  • La e-newsletter settimanale, con consigli, notizie dal mondo slow e gli appuntamenti della settimana
  • Sconti su libri e gadget in vendita on line sul nostro shop
  • Sconti agli eventi nazionali come Salone del Gusto e Terra Madre, Cheese, Slow Fish e a quelli organizzati vicino a casa tua e nei Locali Amici
  • Sconto del 10% sui corsi amatoriali della Scuola di Cucina di Pollenzo 
  • Vantaggi e offerte esclusive offerte da Unipol Assicurazioni
  • Sconto del 20% in tutte le Librerie Giunti al Punto sul catalogo di Slow Food Editore. E con la tessera Giunti Card Club Slow Food (da richiedere, in omaggio per i soci) ottieni lo sconto del 15% sull’acquisto di libri e del 10% sugli altri prodotti
  • Sconto del 10% sull’abbonamento annuale a Giovani Genitori
Per diventare socio si può visitare il sito cliccando QUI oppure contattare la sede SLOW FOOD più vicina. Per conoscere la sede locale più vicina CLICCA QUI


PROGETTI
Di seguito i progetti più grandiosi che SLOW FOOD ha realizzato finora.


Università di Scienze Gastronomiche

L'Università di Scienze Gastronomiche a Pollenzo, frazione di Bra (CN), e Colorno (PR) è stata fondata da Slow Food nel 2004, in collaborazione con le regioni Piemonte e Emilia-Romagna.
Carlo Petrini e Massimo Montanari sono i principali ideatori e promotori di questa realtà, il cui obiettivo primario era quello di promuovere l'educazione gastronomica a e la cultura del cibo. Si sta attivando il corso di Laurea Specialistica nel settore ittico a Genova, terza sede dell'ateneo.
Per maggiori info CLICCA QUI per il sito ufficiale.



Il progetto più importante portato avanti da Slow Food è Terra Madre - incontro mondiale delle Comunità del cibo, giunto nell'ottobre 2006 alla sua seconda edizione: cinquemila contadini, pescatori, allevatori di tutto il mondo che si riuniscono all'Oval di Torino per discutere di sovranità alimentare, difesa della biodiversità, diritto a un cibo più buono, pulito, giusto. Esso è la naturale evoluzione di progetti in difesa della biodiversità come l'Arca del Gusto (un censimento di prodotti alimentari locali minacciati dall'estinzione), dei Presìdi Premio Slow Food per la biodiversità. (progetti sul territorio che hanno lo scopo di sostenere concretamente questi prodotti) e il
Nel 2002, per sostenere questi e altri progetti nel sud del mondo, Slow Food ha promosso la nascita della Fondazione Slow Food per la biodiversità.
Per maggiori info CLICCA QUI per il sito ufficiale.

Slow Food è anche una casa editrice ("Slow Food Editore"), che pubblica guide, asSaggi, manuali, itinerari, che scandagliano lo scibile della cultura enogastronomica. Il best seller è Osterie d'Italia, sussidiario del mangiar-bere all'Italia: una guida alla migliore cucina di tradizione regionale italiana e un viaggio in circa 1700 tappe all'insegna della convivialità e dei piaceri dello Slow Food. Inoltre, Slow Food Editore pubblica la rivista Slowfood, che arriva agli oltre 35000 soci italiani in otto numeri l'anno.
Per maggiori info CLICCA QUI per il sito ufficiale.


Slowfood (periodico)

Diffusa in oltre 30 000 copie, la rivista non si trova nelle edicole, ma giunge sei volte l'anno nelle buche delle lettere dei soci italiani di Slow Food. Essa tratta dei grandi temi dell'alimentare o dell'agricoltura (nel 2009 ha parlato, tra l'altro, del consumo di carne, della situazione dei mari e della pesca, del mondo dei latticini, di OGM e cibo biologico), dei Presìdi italiani e internazionali, delle comunità del cibo di Terra Madre incontrate nei vari paesi del mondo, di viaggi sostenibili, dei luoghi-icona del buon vivere, di Slow Folk. Contiene interviste e testimonianze importanti (nel 2009, Michael Pollan e Marie-Monique Robin, per citarne un paio), recensioni, racconti letterari accompagnati da illustratori noti (Squaz, Marco Corona, Sergio Ponchione, Marco Cazzato, Sergio Staino, Giuseppe Palumbo, Piero Lusso, Paper Resistance, Paolo Bacilieri, Gian Luca Costantini) le anticipazioni, le gallerie fotografiche e i temi filosofici delle manifestazioni Slow Food (Salone del Gusto, Slow Fish e Cheese) e, ancora, degustazioni, itinerari del vino o dell'olio, percorsi tra i vitigni minori e viaggi verso le migliori espressioni enologiche internazionali.
La rivista è diretta da Silvia Ceriani. Le firme provengono dal settore enogastronomico, da Carlo Petrini ad Alberto Capatti (rettore dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e Colorno) a Folco Portinari, da Gigi Piumatti a Michel Smith. Ospita anche interventi dal mondo della letteratura italiana (Enrico Remmert, Marco Bosonetto, Enzo Fileno Carabba, Luca Ragagnin, Valerio Aiolli, Gian Luca Favetto), della musica (Luca Morino), del giornalismo tout court (Paolo C. Conti) e di tutti coloro che, in viaggio, contribuiscono a livello di testi e fotografico. Molti dei contributi vengono da autori stranieri, quali ad esempio Pedrag Matvejevic, Loretta Napoleoni, Raj Patel, Serge Latouche, Vandana Shiva, Sonya Orfalian, Madieng Seck, Luca Mercalli.
Per maggiori info CLICCA QUI per il sito ufficiale.



Il progetto Presidii di Slow Food nasce nel 1999 come naturale evoluzione dell'Arca del Gusto per il recupero e la salvaguardia di piccole produzioni di eccellenza gastronomica minacciate dall'agricoltura industriale, dal degrado ambientale, dall'omologazione. Anche se questa sorta di certificazione non è ufficiale (è assegnata da un comitato scientifico di Slow Food), i criteri di definizione sono simili a quelli di certificazioni come "Indicazione Geografica Protetta" IGP e "Denominazione di Origine Protetta" DOP, ma con un disciplinare di produzione molto più rigido. Il tentativo è di sostituire al criterio di una selezione dei prodotti fatta dagli organi pubblici, un riconoscimento che si basa solo sulla fiducia nella serietà delle scelte fatta da una Associazione internazionale.
Per maggiori info CLICCA QUI per il sito ufficiale.




La Fondazione Slow Food per la Biodiversità-Onlus difende la biodiversità alimentare e le tradizioni gastronomiche di tutto il mondo, promuove un'agricoltura sostenibile, rispettosa dell'ambiente, dell'identità culturale dei popoli e del benessere animale.
Figlia di Slow Food, ma con una propria autonomia statutaria, economica e amministrativa, finanzia i progetti realizzati per la tutela della biodiversità: l'Arca del Gusto, i Presidii e il Premio. Sostiene progetti in tutto il mondo, con un occhio di riguardo per i Paesi più poveri, dove difendere la biodiversità non significa soltanto migliorare la qualità della vita, ma garantire la vita stessa.
Per maggiori info CLICCA QUI per il sito ufficiale.

GLI EVENTI

Cheese è una manifestazione 'internazionale a ingresso libero che accoglie oltre 270 mila visitatori, oltre 300 espositori da 23 nazioni  tra le vie e le piazze del centro storico di Bra. Inoltre si partecipa a numerose attività di approfondimento e intrattenimento
Per maggiori info CLICCA QUI per il sito dell'evento.





Il Salone internazionale del Gusto, organizzato da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino si svolge a Lingotto Fiere, via Nizza 280 (TORINO) ed è un mercato del cibo, un luogo d'incontro e aggregazione dove si praticano l'economia e lo scambio della cultura enogastronomica. Con il passare degli anni ormai è diventato un luogo di dibattito sui grandi temi sull'alimentazione globale. Il costo del biglietto è di 20 € (Biglietto ridotto 16 €).
Per maggiori info CLICCA QUI per il sito dell'evento.


Slow Fish si fa portavoce di pescatori, ricercatori, scienziati, studenti, chef e artigiani del cibo che lavorano con il mare e non solo.  Si svolge a Genova, Porto Antico, piazza Caricamento. L'ingresso è gratuito.
Per maggiori info CLICCA QUI per il sito dell'evento.


TANTI EVENTI

Slow Food vive con il territorio ed organizza numerosissimi eventi. Resta informato consultando QUESTA pagina. CLICCA QUI




Item Reviewed: Slow Food: orgoglio italiano nel mondo Rating: 5 Reviewed By: Ristorazione con Ruggi