Aprire un ristorante è un sogno per tante persone che sognano di diventare imprenditori nella ristorazione, ma è anche un’impresa che richiede un investimento economico non di poco conto e chiaramente del tempo. 

Uno dei fattori più importanti da considerare è dunque proprio il costo iniziale per avviare l’attività, e di seguito ti forniremo una panoramica delle principali voci di spesa da considerare per aprire un ristorante. 

Ti diremo quali sono le uscite necessarie e come pianificare gli esborsi in modo accurato. Sei pronto? Cominciamo subito!

Il business plan per il tuo ristorante

Il primo passo per aprire un ristorante è redigere un business plan dettagliato. Questo documento ti aiuterà a identificare e stimare le spese iniziali necessarie, nonché a valutare la fattibilità del tuo progetto.

Identificati i beni e le attrezzature necessarie per avviare l’attività, sarà il momento giusto per procedere con una prima stima dei costi.

La stima dei costi

I costi iniziali per aprire un ristorante possono variare notevolmente a seconda della location, delle dimensioni e del tipo di ristorante che si intende aprire. Tuttavia, in generale, è possibile stimare che i costi iniziali si aggirino intorno ai 150.000 euro.

I fattori che influenzano i costi iniziali includono:

  • La location: i costi di affitto o acquisto di un locale in una zona centrale sono generalmente più alti rispetto una zona periferica.
  • Le dimensioni: i ristoranti più grandi richiedono un investimento maggiore per quel che riguarda attrezzature e arredamento.
  • Il tipo di ristorante: i ristoranti di alta cucina richiedono risorse maggiori sia per l’attrezzatura che per l’eleganza degli arredi, nonchè personale altamente formato e qualificato.

Considera il finanziamento o prestito

Se non hai il capitale necessario per coprire i costi iniziali, puoi considerare la possibilità di richiedere un finanziamento o prestito

Ancora una volta, è importante assicurarsi di avere un business plan solido e attendibile prima di chiedere un finanziamento, per avere una idea precisa di quelle che saranno le possibili entrate ed uscite nei primi anni di attività.

Location del ristorante

La scelta della location del tuo nuovo ristorante è un fattore tra i primi da prendere in considerazione. 

Molto dipende dalla conformazione urbana e dalle caratteristiche del territorio in questione, ma in linea di massima la posizione ideale dovrebbe essere in una zona trafficata e facilmente accessibile. 

Sarebbe ideale se questa fosse anche in linea con il tuo concept ed il target di riferimento.

I costi legati alla location sono:

  • L’affitto o l’acquisto del locale: il costo dell’affitto di un locale commerciale in Italia varia a seconda della città e della zona. In media, il costo dell’affitto di un locale di 120 metri quadrati in una zona centrale di una grande città italiana si aggira intorno ai 2.500 euro al mese. Anche il costo di acquisto di un locale commerciale varia a seconda della città e della zona. In media, il costo di acquisto di un locale di 120 metri quadrati in una zona centrale di una grande città italiana si aggira intorno ai 350.000 euro.
  • Le spese di ristrutturazione: le spese di ristrutturazione di un locale commerciale possono variare notevolmente a seconda delle condizioni dello stesso e delle modifiche che si desidera apportare. In media, le spese di ristrutturazione di un locale di 120 metri quadrati possono variare da 50.000 a 100.000 euro.

Attrezzature e arredamento

Avrai certamente bisogno di arredare e attrezzare il tuo ristorante in modo da creare un ambiente accogliente e confortevole per i tuoi clienti. Le attrezzature solitamente necessarie sono:

  • Attrezzature per la cucina, come ad esempio piani da lavoro, fornelli, frigoriferi e lavastoviglie: il costo di queste attrezzature può variare notevolmente a seconda delle dimensioni e della marca prescelta. In media, il costo di queste attrezzature per la cucina di un ristorante può variare da 50.000 a 100.000 euro.
  • Forniture per la zona bar, ad esempio il banco da esposizione, macchinari per il caffè, macchina del ghiaccio, stoviglie: il costo di queste cambia in base alla qualità di tali attrezzature, ma in genere queste e le altre cose necessarie per la zona bar costano dai 10.000 ai 50.000 euro.
  • Mobili e attrezzature per la sala, come tavoli, sedie, luci e decorazioni: il costo delle attrezzature per la sala può variare notevolmente a seconda dello stile e delle dimensioni del ristorante. In media, le spese di arredamento di un ristorante di 100 metri quadrati possono variare da 20.000 a 50.000 euro.Personale e forza lavoro.

Il personale

Avrai certamente bisogno di assumere del personale per gestire il tuo ristorante e fare in modo che le attività quotidiane possano essere effettuate regolarmente. Tra le figure professionali di cui potresti avere bisogno abbiamo:

  • Chef e aiuto cuoco: lo chef e l’aiuto cuoco sono responsabili della preparazione dei piatti. Il compenso può variare a seconda della loro esperienza. In media, lo stipendio di un chef con esperienza può variare da 2.000 a 2.500 euro al mese, un aiuto cuoco invece circa 1400 euro al mese.
  • Camerieri e baristi: i camerieri e i baristi sono responsabili del servizio ai tavoli e della preparazione dei drink. Il loro compenso può variare da 1.500 a 2.500 euro al mese.
  • Personale per la pulizia: avrai necessariamente bisogno di una squadra che si occupi della pulizia del ristorante, sia per quel che riguarda la cucina che la sala e le altre eventuali aree. In questo caso il costo può variare a seconda delle dimensioni del ristorante. In media, lo stipendio di un addetto alle pulizie può variare dalle 1.000 a 1.500 euro al mese. Puoi valutare se assumere direttamente del personale addetto alla pulizia o se affidare questo compito ad una ditta esterna.

Dunque i costi relativi al personale di un ristorante di medie dimensioni possono variare da 8.000 a 15.000 euro al mese.

Licenze e permessi

Per aprire un ristorante dovrai necessariamente ottenere le licenze e i permessi necessari. I requisiti possono variare di regione in regione, ma in genere le autorizzazioni necessarie sono le seguenti:

  • Iscrizione al registro delle imprese
  • Iscrizione all’INPS
  • Iscrizione all’INAIL
  • Presentare la SCIA al Comune di appartenenza
  • Ottenere la licenza commerciale
  • Ottenere l’attestato HACCP

Considera inoltre che devi ottenere anche le seguenti autorizzazioni prima di poter finalmente aprire il tuo ristorante:

  • Licenza per la somministrazione di alimenti e bevande: questa licenza è necessaria per poter servire cibo e bevande al pubblico.
  • Autorizzazione sanitaria: questa autorizzazione è necessaria per garantire che il ristorante soddisfi gli standard sanitari previsti dalla legge.

I costi associati alle pratiche amministrative e alle imposte locali previste dai singoli comuni possono variare notevolmente. In media, i costi per ottenere le licenze e i permessi necessari qui elencati possono variare da 1.000 a 5.000 euro.

Fornitori e approvvigionamento

Avrai chiaramente bisogno di buoni fornitori per acquistare gli ingredienti e i prodotti necessari per il tuo ristorante. Dovrai considerare fattori come la qualità dei prodotti, i prezzi e la disponibilità.

I costi relativi all’acquisto di prodotti alimentari freschi e non deperibili possono variare notevolmente a seconda della stagione e della disponibilità. Molto poi dipende chiaramente dai piatti che andrai a mettere nel menu: maggiore sarà la varietà di pietanze proposte, maggiore sarà la necessità di acquistare prodotti e ingredienti diversi.

In media, i costi per l’acquisto di ingredienti e prodotti per un ristorante che propone 5/6 piatti per ogni categoria possono variare da 10.000 a 50.000 euro al mese.

Marketing e pubblicità

Per far arrivare nuovi clienti nel tuo nuovo locale, avrai bisogno di un piano di marketing ed in generale di una strategia pubblicitaria efficace, sia online che offline. Questo piano potrebbe includere:

  • Creazione di un sito web: un sito web è essenziale per promuovere il tuo ristorante online. Il costo di creazione di un sito vetrina, come per la maggior parte di attività di questo tipo può variare da 1.000 a 2.000 euro.
  • Pubblicità online: fare della pubblicità online è un modo efficace per raggiungere un pubblico il più possibile ampio. I costi di questa pubblicità possono variare in base alla piattaforma o mezzo prescelto per veicolare il tuo messaggio. In media, i costi della pubblicità online per una attività di questo tipo possono variare da 500 a 1.500 euro al mese.
  • Campagne promozionali: le campagne promozionali possono essere un modo efficace per attirare nuovi clienti e fidelizzare quelli esistenti. Puoi affidare ad una agenzia di comunicazione questo compito, considerando che questo tipo di servizio costa mediamente dai 3.000 ai 10.000 euro annui per un ristorante.

Ecco alcune idee per campagne promozionali efficaci in grado di attirare il pubblico di riferimento:

  • Offri sconti e offerte speciali: offrire sconti o promuovere offerte speciali è un modo semplice e diretto per attirare nuovi clienti.
  • Concorsi e premi: i concorsi e i premi possono essere un modo intelligente e coinvolgente per fidelizzare i clienti ed invogliarli a tornare.
  • Eventi speciali: gli eventi speciali possono essere un modo efficace per attirare l’attenzione dei clienti, attirandone di nuovi e creando un senso di comunità.

Certamente, se decidi di aprire un ristorante in franchising, molti dei costi legati alla pubblicità si ridurrebbero drasticamente. 

In questo caso infatti, non partiresti da zero per quel che riguarda la notorietà del marchio, ma al contrario potresti sfruttare un brand già noto al pubblico e dunque una realtà che è già apprezzata dai clienti.

Costi operativi e spese generali

Oltre ai costi iniziali, dovrai considerare anche i costi operativi e le spese generali. Ecco alcuni esempi di questo tipo di costi:

  • Utenze, come luce, gas e acqua: il costo delle utenze può variare a seconda delle dimensioni del ristorante e del consumo energetico. In media, il costo delle utenze per un ristorante di 120 metri quadrati può variare da 1.000 a 3.000 euro al mese.
  • Assicurazioni: le assicurazioni sono necessarie per proteggere la tua attività da eventuali danni o perdite, così come per tutelare i clienti stessi. I costi delle assicurazioni possono variare a seconda del tipo di attività e della copertura assicurativa necessaria. Di norma, il costo delle assicurazioni per un ristorante di medie dimensioni può variare da 3.000 a 10.000 euro all’anno.
  • Manutenzione: i costi di manutenzione cambiano in base alle attrezzature e alle apparecchiature utilizzate nel ristorante. A caratteri generali, è possibile considerare una spesa che varia da 2.000 a 5.000 euro all’anno per la manutenzione delle attrezzature.
  • Altre spese per il personale, incluse divise da lavoro e formazione: i costi del personale possono variare notevolmente a seconda del numero di lavoratori.  È ragionevole comunque pensare che possano essere necessarie almeno 5.000 euro annue per divise e corsi di aggiornamento o formazione.
  • Costi variabili: i costi variabili (materie prime, personale extra, etc.) possono variare a seconda del menu e del giro di affari. Un ristorante di medie dimensioni può considerare dalle 3.000 alle 10.000 euro all’anno per i costi variabili.

Stima complessiva dei costi

In base alle stime fornite in questo articolo, i costi iniziali complessivi per aprire un ristorante di medie dimensioni oscillano tra le 150.000 e le 250.000 euro.

Questa cifra comprende non solo i costi iniziali, ma anche quelli operativi e le spese generali. Tutto varia infatti in base alla location, alle dimensioni e al tipo di ristorante che si intende aprire.

Chiaramente, è importante ricordare che questi sono solo costi stimati. I costi effettivi possono variare in base a tutta una serie di fattori come i prezzi di mercato, la concorrenza e le condizioni economiche generali.

Conclusioni

Aprire un ristorante è un’impresa eccitante quanto impegnativa, ma soprattutto gratificante. Riuscendo a pianificare tutto con grande precisione, è possibile ridurre i rischi d’impresa e aumentare le tue possibilità di successo.

È importante per questo stabilire con precisione quale sia il budget a disposizione e non sforarlo, oltre a ridurre al minimo gli sprechi e le spese superflue.

Con un po’ di impegno e dedizione, tisarà possibile aprire il tuo ristorante e diventare un imprenditore di successo.

Di Giuseppe Alfredo Ruggi

Insegnante di enogastronomia, digital teacher e non solo. Collabora con numerose scuole d'Italia, ha pubblicato numerosi articoli e due testi. Innamorato della scuola sa bene che insegnando si impara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *