Quando si pensa a grassi di origine animale utilizzati in cucina quasi sempre si parla di burro e strutto. Ma ce n’è un altro che pochi conoscono: il SEGO.
E’ ottenuto principalmente da bovini, equini ed ovini e deriva dalla raffinazione del grasso attorno al cuore ed al rognone (rene).
Ha una lunghissima conservazione, senza refrigerazioni ed assomiglia moltissimo allo strutto ma contiene mmolti più acidi grassi saturi.
 

DOVE LO TROVIAMO?

  • i saponi sono fatti con questo grasso, usato per la sue proprietà antischiumanti;
  • in molte margarine e surrogati del burro;
  • è usato come conservante ed aromatizzante su molte marche di patatine fritte tortini di patate e frittelle di patate in busta;
  • dal sego deriva anche lo “STEARICO“, grasso usato in molte caramelle.
INSOMMA, IL SEGO E’ DAPPERTUTTO

E TU? DOVE L’HAI TROVATO?

Di Giuseppe Alfredo Ruggi

Insegnante di enogastronomia, digital teacher e non solo. Collabora con numerose scuole d'Italia, ha pubblicato numerosi articoli e due testi. Innamorato della scuola sa bene che insegnando si impara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *