Mentre scrivevo un articolo sulla cucina vegetariana ho pensato: 
perchè non fare un articoletto breve, piccolo e sintetico ma con dentor un bell’elenco di tutti i prodotti con ingredienti “nascosti” che derivano dagli animali?

Va subito anticipato che ormai è difficilissimo non mangiare animali!!! Quasi tutti i prodotti ne contengono un po’ ed è giusto saperlo e prenderne coscienza.
Caglio:
enzima
estratto dallo stomaco di un vitello ucciso da poco. Viene usato nel
processo di produzione del formaggio.
Caseina: 
E’ usata nelle plastiche, negli adesivi e nella produzione della
vernice. E’ un prodotto
ricavato dal riscaldamento del latte insieme ad un acido, come l’acido
lattico.
Torrone: 
contiene solitamente gelatina.

Pasta: 
può contenere uova, specialmente se è fresca. Alcuni tipi di pasta in Italia contengono inchiostro di calamari, ma possono essere facilmente riconosciuti per via del colore nero.
Colorante E120: 
Il colorante E120 è un colorante di origine naturale/animale: è ottenuto dall’essicazione delle uova e degli esemplari femmina della Cocciniglia, un insetto parassita.Lo troviamo in cosmetici, caramelle, Campari, prodotti farmaceutici, sciroppi.
 
Chewing Gum: 
alcune gomme da masticare contengono glicerina.

Margarine: 
possono contenere oli di pesce o di altri animali marini.

Pasticceria: 
nella maggior parte delle torte sono usati grassi animali ecc

Fosfati: 
derivati dal glicerolo e da acidi grassi. Possono derivare da ossa animali. 

Stearato: 
si trova di solito in forma di “stearato di calcio”, ed è usato nelle caramelle dure. Deriva dall’acido stearico, che viene di solito estratto dal sego.
Grasso da pasticceria: 

può
essere realizzato con grassi animali. Viene utilizzato nell’industria
alimentare, specialmente per la produzione di pasticcini e biscotti.

Siero del latte: 

parte liquida del latte.

Caramelle: 
attenzione alla gelatina, ad esempio nelle caramelle gommose ai frutti. Quasi tutte le mentine contengono gelatina: Polo, Trebor, Extra Strong, ecc.
 
 
Non credevi ci fossero tutti 
questi prodotti nascosti vero?

Di Giuseppe Alfredo Ruggi

Insegnante di enogastronomia, digital teacher e non solo. Collabora con numerose scuole d'Italia, ha pubblicato numerosi articoli e due testi. Innamorato della scuola sa bene che insegnando si impara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.