Viene chiamato anche “cavolo toscano“, perché tipico di questa cucina e anche “cavolo a penna“. Si trova da acquistare durante tutto il periodo invernale fino alla fine di aprile.
Le foglie, raggruppate in cespi, sono di colore verde scuro e con piccole bolle su tutta la superficie, che lo rendono facilmente riconoscibile fra le altre verdure.
Acquistate i cespi solo se ben turgini e sodi, privi di eventuali parti scure e mollicce. Dopo l’acquisto si conserva per qualche giorno in frigorifero.
Per ogni 100 grammi contiene solo 30 kcal. 
Potete lessarlo o cuocerle direttamente in padella coperto con un filo di olio: meglio lasciarlo un po’ consistente (al dente) per apprezzare al meglio tutto il suo buon sapore.

Di Giuseppe Alfredo Ruggi

Insegnante di enogastronomia, digital teacher e non solo. Collabora con numerose scuole d'Italia, ha pubblicato numerosi articoli e due testi. Innamorato della scuola sa bene che insegnando si impara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.