Sapevamo tutti che questo momento sarebbe giunto: affrontare l’Esame di Stato 2019.

Ma come?

Cosa prevede la riforma e quali sono i cambiamenti?
Ci sono novità? Resta tutto uguale?

La priorità, a mio avviso, va data alla seconda prova che come sappiamo è totalmente nuova e da quest’anno diventa una sorta di Quizzone con caratteristiche analoghe all’ex terza prova (sparita del tutto).

QUALI SONO LE DISCIPLINE SCELTE PER IL 2019?

Onestamente credo che le discipline scelte quest’anno saranno sempre le stesse per gli ani avvenire in quanto discipline portanti del percorso di studi. Ma vediamo quali sono le discipline che il MIUR ha identificato per l’Esame di Stato 2018/2019.
Ovviamente diversifico per le tre articolazioni: Enogastronomia (alias Cucina), Servizi di sala e di vendita e Accoglienza Turistica.

Articolazione Enogastronomia

  • Scienza e Cultura dell’Alimentazione
  • Laboratorio di Servizi enogastronomici – Settore Cucina

Opzione prodotti dolciari artigianali ed industriali

  • Scienza e cultura dell’alimentazione, analisi e controlli microbiologici dei prodotti alimentari
  • Laboratorio di servizi enogastronomici – settore pasticceria
  • Tecniche di organizzazione e gestione dei processi produttivi

Articolazione Servizi di Sala e di vendita

  • Scienza e Cultura dell’Alimentazione
  • Laboratorio di Servizi enogastronomici – Settore Sala e Vendita

Articolazione Accoglienza turistica

  • Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva
  • Laboratorio di servizi di accoglienza turistica
  • Lingua inglese o seconda lingua straniera

IN COSA CONSISTE LA SECONDA PROVA?

Il Miur ha comuicato che la seconda prova farà riferimento a “situazioni operative della filiera di servizio” e che i Maturandi dovranno dimostrare di possedere capacità di analisi e spiccate capacità decisionali.

La prova, già calendarizzata per il 20 GIUGNO 2019 è divisa in due parti:

  • la prima parte prevede un compito da svolgere e sarà definita a livello nazionale;
  • la seconda parte prevederà dei quesiti a cui rispondere e sarà predisposta dalla commissione;

Ovviamente i contenuti terranno conto della specifità dell’offerta formativa di ogni articolazione ed indirizzo di studio degli Istituti Professionali.

LE GIORNATE DI SIMULAZIONE

Il Miur ha previsto 2 giornate di Simulazione Nazionale per far capire agli alunni (ed anche a noi docenti) cosa prevede questa nuova prova.

Le simulazioni sono fissate in questo modo:

  • SIMULAZIONE Prima prova scritta: 19 febbraio e 26 marzo;
  • SIMULAZIONE Seconda prova scritta: 28 febbraio e 2 aprile

 

Potrebbe interessarti:

 

 

Segui RISTORAZIONE CON RUGGI e resta aggiornato sul mondo della scuola professionale

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.