E così mentre stavo cucinando pasta e patate….mi sono chiesto: 
ma qual’è la storia di questo piatto?
Sono un insegnante di cucina e non conosco la storia di questo piatto? 🙁 🙁
E così sono corso ai ripari…mi sono documentato ed ecco qui per te, caro lettore….

La pasta e patate è una ricetta “moderna“, possiamo dirlo, risalente al XVII secolo (1600).
Prima del 1500 era una ricetta impossibile perchè le prime patate furono con lo scambio colombiano (avvenuto con Cristoforo Colombo e la scoperta del nuovo mondo).
Dalle Americhe vennero importati pomodori, zucchine, peperoni, zucche e tanto altro…..ovviamente anche le diverse tipologie di tuberi come le patate che consumiamo oggi.

Nata a Napoli, questa ricetta si è poi diffusa in tutta la penisola. A Napoli siamo sempre stati maestri d’ingegno nell’arte culinaria…e visto che la popolazione era molto povera, si aggiungevano a questo piatto prodotti come i pomodori (che pochi mangiavano). Oggi invece si aggiungono le scorze di parmigiano come recupero.
Storicamente le fonti della nascita di questo piatto si perdono tra le pagine di polverosi libri ma molti studiosi identificano nel manoscritto “IL CUOCO GALANTE” di Vincenzo Corrado (anno 1773) la prima ricetta scritta della pasta e patate.
Perchè si usa la pasta mista?
Per tradizione si è sempre cercato di recuperare gli avanzi e questo accadeva anche per la pasta. Si univano i diversi formati di pasta che avanzavano o che le persone povere recuperavano girovagando per il paese ed elemosinando tra botteghe e case. 
Da qui è facile intuire perchè ancora oggi noi napoletani quando parliamo di pasta mista parliamo di “munnezzaglia” (tanti minuzzi di pasta che erano destinati alla pattumiera…..”monnezza”).
I tipi di pasta e patate
Esistono diversi tipi di pasta e patate:
a zuppa
semplici, con la pancetta e la provola
con il pomodoro
al forno
nella caccavella del pastificio 
FABBRICA DELLA PASTA di Gragnano  
la versione di Pasta e Patate 
del Ristorante IL MOSAICO di Ischia

 Ed a te?
Come piace la Pasta e Patate?
Commenta in basso 
oppure condividi quest’articolo sui tuoi social.
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.