In campania noi lo chiamiamo “friariello” perchè quasi sempre viene consumato FRITTO….mmmm…gnamm..gnamm..

DA NON CONFONDERE CON “I FRIARIELLI”!!!!
quelli sono le cime di rapa!!

Lo riconoscete facilmente: va consumato a maturazione incompleta (quindi si presenta di colore verde), è di piccole dimensioni (dai 6 ai 12 cm). 
Ci sono due tipi di “friarelli“: 
  • il peperoncino napoletano da forme allungate e ben appuntito;
  • il peperoncino di fiume o nocerese caratterizzato da bocca irregolare ed apice trilobato. 

Il peperoncino verdefriariello viene coltivato in Campania in varie zone:

  • nell’Agro-Nocerino-Sarnese;
  • ad Acerra e Nola;
  • e Salerno e Napoli.
E’ grazie ai monaci Cistercensi se oggi possiamo gustare questa prilibatezza.
Fu re Carlo d’Angiò, sovrano di Francia che volle fondare due abbazie nel territorio tra Napoli ed Eboli e vene scelto proprio il territorio accanto al fiume Sarno: San Pietro di Scafati.

I monaci. sapienti conoscitori della terra, diffusero i loro saperi in tutto il territorio ed insieme ad essi le coltivazioni che portarono dalla terra madre francese. Fu così che il Peperone Chiochiera, il Cetriolo piccolo per sott’aceti, e per l’appunto il Peperone Friariello iniziarono ad essere coltivati qui in Campania.

LA STORIA….CHE BELLA COSA ABBINATA AL CIBO……  

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.